Valutazione del rischio dovuto a fattori microclimatici

640px-Igloo.jpg

Il rischio microclimatico da adito spesso a vari fraintendimenti in quanto citato in più punti del D. Lgs. 81/08, probabilmente con accezioni differenti. Se infatti in alcune attività, per esempio gli uffici, il disagio microclimatico può essere causa solo di “disconfort”, in altre situazioni può essere causa di disfunzioni che possono compromettere la salute e la sicurezza dei lavoratori.

In questi ultimi casi di possibile “stress termico” la valutazione deve essere eseguita strumentalmente e deve essere molto accurata.

Deve infatti tenere conto dei vari parametri ambientali oggettivi, che in ambiente chiuso, vanno a determinare il cosiddetto microclima:
la temperatura e la velocità dell'aria;

l'umidità relativa;

l'irraggiamento dato dalle superfici calde.
Nell’ambito del nostro servizio l’analisi verrà effettuata mediante misurazioni in campo tramite centralina microclimatica.

In seguito ai rilievi, dall'analisi dei dati rilevati, si deducono indicazioni di tipo prevenzionistico (modifiche del lay-out dei locali, inserimento di protezioni sui macchinari, correzione delle caratteristiche dei sistemi di condizionamento e di illuminazione, ecc.), oppure, eccezionalmente, di tipo protezionistico (adozione di dispositivi di protezione individuale quali indumenti specifici, ecc.).

Il servizio viene completato con la redazione della specifica valutazione del rischio.