PROROGHE IN MATERIA AMBIENTALE
  • Notizia
Il decreto Cura Italia ha stabilito alcune importanti proroghe in materia ambiatele
bottle-3673761_640.jpg

Il decreto Cura Italia, ovvero il Decreto Legge 17 marzo 2020, n. 18. Misure di potenziamento del Servizio Sanitario Nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19, ha stabilito alcune importanti proroghe in materia ambientale.

Nello specifico:
Art.103
(Sospensione dei termini nei procedimenti amministrativi ed effetti degli atti amministrativi in scadenza)
- Tutti i certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi comunque denominati, in scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020, conservano la loro validità fino al 15 giugno 2020.

Art.113
(Rinvio di scadenze adempimenti relativi a comunicazioni sui rifiuti)
In questo articolo si stabilisce una PROROGA al 30 giugno 2020 di:
- presentazione del
Modello Unico di Dichiarazione Ambientale (MUD) (articolo 6, comma 2, della legge 25 gennaio 1994, n. 70);
-
versamento del diritto annuale di iscrizione all'Albo Nazionale Gestori Ambientali (articolo 24, comma 4, del decreto 3 giugno 2014, n. 120).

Sono contestualmente prorogate al 30 giugno anche le scadenze in materia di comunicazione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (comunicazione annuale delle quantità da parte dei titolari degli impianti di trattamento) e dei rifiuti di pile e batterie (comunicazione annuale da parte dei produttori dei dati sull'immesso sul mercato e trasmissione annuale da parte del Centro di Coordinamento dei dati su raccolta e riciclaggio dei rifiuti).

Ricordiamo che la nostra segreteria telefonica è attiva al numero 0554939921 al quale potete rivolgervi per qualsiasi chiarimento.